Dosu Kinuta

Scheda

Età: Deceduto a 14 anni
Altezza: 156 cm
Peso: 49 Kg
Gruppo Sanguigno: A
Compleanno: 12 Giugno
Grado: Genin
Clan:  -
Hobby/Sogni:  -
Apparizioni: Anime 23; Manga 39

Storia

Orochimaru lo trattava come una sorta di garanzia, nonostante fosse un ninja piuttosto potente. Dosu cominciò a capire che in questo modo perdeva il rispetto di Orochimaru, e si promise di provargli che lui non era solo una cavia o in ogni modo di rendersi più indipendente degli altri ninja del suono. Così partecipò all'esame di selezione dei Chunin a Konoha insieme ai suoi compagni di squadra Zaku e Kin. Durante l'apparizione di Kabuto, Dosu attacca quest'ultimo perché non lo ha inserito nelle sue carte.

Dosu ferì Kabuto Yakushi (presumibilmente Kabuto in seguito si guarì con le sue arti mediche), colpendolo con il suo amplificatore ferendolo all'orecchio. Cercò di uccidere Sasuke, ma il ninja fu protetto da Sakura. In aiuto della ragazza giunge Rock Lee, ma Dosu per combattere sfrutta la velocità e la potenza del suono e dopo qualche colpo Rock Lee non riesce più a combattere e cade a terra in preda al dolore.

I ninja del suono hanno ormai la situazione in pugno e decidono di farla finita scagliandosi contro Sakura che viene salvata dall'arrivo del Team 10. In questa circostanza Dosu e Zaku mostrano di non avere una grande simpatia per Kin soprattutto dopo che è stata posseduta da Ino (cercando addirittura di attaccarla benché dicano che sarebbero disposti a uccidere un loro compagno di squadra se dovessero farlo) e sconfitta da Shikamaru. Infine, quando sembrava stesse per vincere, Dosu fu costretto alla ritirata a causa del risveglio di Sasuke.

Quest'ultimo, infatti, dimostra una personalità totalmente diversa, perversa, e riesce a calmarsi solo quando Sakura lo fronteggia. Negli scontri preliminari della seconda prova, Dosu sconfisse rapidamente Choji, ma dopo questo, per dimostrare le proprie capacità ad Orochimaru, cercò di uccidere Gaara in modo da combattere direttamente contro Sasuke nella terza prova. Non realizzando con quale mostro stava andando a combattere, fu ucciso da un attacco rapido di Gaara, senza la possibilità di reagire. La sua morte fu parallela a quella di Hayate, come dimostrazione della pericolosità dei ninja del villaggio della sabbia

Personalità

Dosu era una persona gelosa e tentò di uccidere Sasuke dopo aver realizzato che le vere intenzioni di Orochimaru non erano quelle che gli erano state dette. Sembra essere molto leale nei confronti di Zaku e vice versa; dopo che Zaku fu sconfitto da Shino Aburame perdendo entrambe le braccia, Dosu gli promise che l'avrebbe vendicato.

Dosu e Zaku non hanno una grande simpatia per Kin soprattutto dopo essere stata posseduta da Ino Yamanaka e sconfitta da Shikamaru Nara; loro cercano persino di attaccarla una volta (benché dicano che sarebbero disposti a uccidere un loro compagno di squadra se dovessero farlo). Tuttavia, Kin si dispiace per Zaku dopo la sua sconfitta contro Shino.

Capacità Ninja

Dosu era dotato di uno speciale dispositivo, posizionato sul suo avambraccio destro, in grado di amplificare le onde sonore facendo aumentare notevolmente la potenza dei suoi attacchi, andando ad influire sull'equilibrio e la resistenza dell'avversario danneggiandogli il timpano oppure può condensare il suono in un'unica onda che può successivamente scagliare contro l'avversario per danneggiarlo dalla forza causata dalla pressione del suono,ma è anche utile per distruggere ostacoli di grandi dimensioni come grandi tronchi. Con l'onda d'urto creata dal congegno del braccio destro, Dosu Kinuta danneggia i timpani dell'avversario. Chi subisce l'attacco, anche se non riporta esternamente delle ferite, perde l'equilibrio, tanto da non riuscire nemmeno a reggersi in piedi.

Dosu ferì sia Rock Lee sia Kabuto Yakushi, durante la prima e la seconda prova degli esami di selezione dei chunin, direzionando le sue onde sonore nei loro orecchi interni. Negli scontri preliminari della seconda prova, Dosu sconfisse agevolmente Choji Akimichi.

Orochimaru lo trattava come una sorta di garanzia, nonostante fosse un ninja piuttosto potente. Dosu cominciò a capire che in questo modo perdeva il rispetto di Orochimaru, e si promise di provargli che lui non era solo una cavia o in ogni modo di rendersi più indipendente degli altri ninja del suono. Dosu cercò allora di uccidere Gaara in modo da combattere direttamente contro Sasuke nella terza prova. Non realizzando con quale mostro stava andando a combattere, fu ucciso da un attacco rapido di Gaara, senza la possibilità di reagire.

La sua morte fu parallela a quella di Hayate Gekko, come dimostrazione della pericolosità dei ninja del villaggio della sabbia. Il suo corpo sarebbe stato utilizzato per rievocare il quarto Hokage durante l'attacco di Orochimaru al villaggio della foglia se l'evocazione non fosse stata interrotta da Sarutobi. Dosu era del suo team il membro più abila nell'uso dei Taijutsu grazie al suo dispositivo e anche nel ninjutsu era il migliore perché con una singola onda di suono compressa poteva danneggiare il corpo dell'avversario in modo molto grave come successo con Choji.

Tecniche ed abilità
Ninjutsu
  • Tecnica della Sostituzione (Kawarimi no Jutsu)
  • Tecnica della Trasformazione (Henge no Jutsu)
  • Tecnica della Moltiplicazione (Bunshin no Jutsu)
  • Onda di Suono
  • Attacco Sonoro
Genjutsu
  • Disperdi (Kai)

Abilità Speciali

  • Camminare su pareti verticali e sulla superficie dell'acqua
  • Amplificare il suono per danneggiare il fisico e i sensi motori dell'avversario

 

Statistiche della pagina
Pagina vista: 25289
Pagina creata da: admin , 1 ottobre 2007
Ultimo aggiornamento: 15 luglio 2014

Caricamento commenti in corso...

Scrivi un Commento

Per scrivere un commento devi essere Registrato!

Se sei già registrato? Esegui il Login!
Non sei registrato? Registrati ora, è gratis!

NarutoGT.it is a fansite based on the Naruto Anime and Manga series.
The holders of the copyrighted and/or trademarked material appearing on this site are as follows:
NARUTO © 2002 MASASHI KISHIMOTO. All Rights Reserved.

Impostazioni