Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie Policy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

CONTINUA
NarutoGT.it
Login / Registrati

Analisi del personaggio - Sakura

Il nome "Haruno" significa "campo primaverile", e "Sakura" significa "ciliegio", molto noto in Giappone per la sua bellezza e per la sua vita brevissima dei suoi fiori (i fiori di ciliegio storicamente sono stati associati con i samurai).
All'inizio della serie, Sakura è un Genin parte del Team 7 capitanato da Kakashi. I suoi punti di forza sono la sua intelligenza e il suo grande controllo del chakra. Inizialmente, però, la resistenza e le tecniche di Sakura non erano niente di speciale; la sua capacità più notevole era quella di annullare i genjutsu (riesce a liberarsi dalla genjutsu di Kabuto e libera i suoi compagni dalla stessa illusione).
Nelle classifiche della rivista giapponese Sh?nen Jump, Sakura è stata quasi sempre in una posizione della Top 10, arrivando una volta in Top 5.

Carattere
Sebbene in apparenza sia abbastanza calma e misurata, Sakura ha in realtà una doppia personalità, creatasi per sopperire alla grande insicurezza della ragazza. Dentro di lei infatti si rivela spesso la "Vera Sakura", ovvero la sua parte aggressiva e irascibile. Questa seconda personalità esiste separatamente all'interno della sua mente e in qualche occasione anche Sakura si comporta come la sua seconda personalità, e questi momenti diventano sempre più frequenti con il passare del tempo, dato che la ragazza diventa sempre più sicura di sè. Sakura si fa inoltre diverse paranoie sulle dimensioni della sua fronte, paranoie infondate dato che è proprio questo piccolo difetto a rendere il suo viso tanto grazioso, come affermato da Ino e anche da Naruto che difatti nel primo volume dopo aver assunto le sembianze di Sasuke ed avvicinato Sakura le dice "che bella fronte spaziosa che hai, mi viene voglia di baciarla".

Il salvataggio di Gaara
All'inizio della seconda serie, Sakura entra a far parte del team Kakashi, formato, oltre che da lei e da Kakashi, anche da Naruto. Da questo momento in poi, i due giovani ninja non saranno più considerati allievi del ninja copiatore. Il nuovo team svolge subito la prima missione: salvare il Kazekage del Villaggio della Sabbia, ovvero Gaara. Alla squadra si aggiunge anche l'anziana consigliera del villaggio, Chiyo, che è la nonna del membro di Alba Sasori, uno dei due ninja traditori che ha catturato Gaara. La squadra raggiunge il covo di Alba, non dopo aver sconfitto un falso Itachi, ma arrivano troppo tardi: il demone Cane Procione, situante in Gaara, è già stato estratto, e il Kazekage è, ormai morto. Mentre Kakashi e Naruto vanno all'inseguimento di Deidara, Sakura e Chiyo combattono contro Sasori. In quest'occasione, Sakura dimostra di possedere delle qualità eccezionali, vicine a quelle di Tsunade. Alla fine dell'incontro, la nonna Chiyo sconfigge definitivamente Sasori; quest'ultimo, in fin di vita, rivela che egli doveva incontrarsi con una sua spia, sottoposta di Orochimaru. In seguito, Chiyo resusciterà Gaara, sacrificando, in cambio, la sua stessa vita.

L'incontro con Sasuke
Kakashi è costretto a rimanere letto per una settimana a causa dell'abuso del suo Sharingan Ipnotico e a Sakura e Naruto viene affidato un nuovo maestro: un ANBU che viene chiamato per l'occasione Yamato. Inoltre, al team Kakashi si aggiunge un membro della Radice per sostituire Sasuke: anch'egli ha un nome specifico per la missione, ovvero Sai. La prima missione del nuovo team Kakashi è investigare su Orochimaru attraverso la spia di Sasori. La squadra raggiune il punto dell'incontro, suggeritogli dallo stesso Sasori, Sakura, Naruto e Sai si nascondono, mentre Yamato si trasforma nella marionetta con cui si presenta abitualmente Sasori. La spia non è altro che Kabuto e si scopre che era pedinato da Orochimaru. Il Sennin aveva liberato Kabuto dall'illusione di Sasori e Kabuto è diventato un fedelissimo sottoposto di Orochimaru. Yamato viene presto smascherato ed è costretto a chiedere l'aiuto dei tre giovani ninja. Naruto, alla vista di Orochimaru, si scatena e libera ben quattro code. Egli dà vita ad un combattimento mozzafiato con Orochimaru, nel quale Sakura sviene a causa di un attacco estremamente potente di Naruto. Yamato, attraverso il Colpo della Soppressione ferma Naruto, mentre Orochimaru non li continua ad attaccare poiché li vede come alleati nella guerra contro l'Organizzazione Alba. Nel frattempo, Sai inizia la sua missione segreta e si rivolge a Orochimaru dandogli una lettera del suo capo, ovvero Danzou. Attraverso Sai, il team Kakashi raggiunge un covo di Orochimaru, dove è presente anche Sasuke. Sai, liberatosi dalla stanza nella quale era stato richiuso, va nella stanza di Sasuke e si prepara ad eliminarlo. Sasuke, però, si dimostra superiore, provoca un'esplosione e viene raggiunto dal resto del team Kakashi. Sai, capendo i sentimenti che legano Naruto e Sasuke, decide di non continuare a seguire la sua missione e di aiutare Naruto a riportare indietro Sasuke. Tuttavia, l'intero team Kakashi viene sconfitto dall'Uchiha che, quando si prepara ad ucciderli, viene fermato da Orochimaru, che per lo stesso motivo di prima, preferisce non ucciderli. Naruto e Sakura si accorgono di non aver colmato affatto la differenza di forza che c'era tra loro e Sasuke e che dovranno allenarsi duramente affichè Sasuke ritorni al Villaggio della Foglia.

Nuova personalità
Dopo due anni Sakura, oltre ad essere cresciuta, è anche diventata più matura e più sicura di sè; inizia infatti a mostrare il carattere che prima era la "Vera Sakura", anziché mostrarsi timida come un tempo. In più ora si irrita facilmente quando gli altri fanno battute sul suo aspetto. Appena tornato Naruto, Sakura gli chiede se ora sembra più una donna, e quando il ragazzo le risponde che non è cambiata per niente, lei ribatte dicendogli che non capisce niente delle donne. Anche con Sai la ragazza si arrabbia facilmente, ad esempio quando la chiama "strega", o quando questi insulta pesantemente Sasuke, subito messo a tacere con un pugno violento che lo butta a terra, spingendolo diversi metri più in là.
Da qui si capisce che i sentimenti per Sasuke non sono ancora del tutto assopiti. Infatti quando il gruppo di Yamato raggiunge il covo di Orochimaru e lei incontra Sasuke, l'occhiata che rivolge all'ex-compagno di squadra nel vederlo è più che eloquente.
Tuttavia, man mano che la serie va avanti, Sakura approfondisce il legame di amicizia con Naruto, tanto che i due riescono a cooperare bene in squadra o nelle missioni (come durante la prova dei campanelli che gli ripropone Kakashi). Nonostante Naruto sotto l'influenza di Kyubi attacchi Sakura non riconoscendola minimamente, la loro amicizia non ne rimane intaccata. Inoltre, dopo le iniziali divergenze, Sakura viene a considerare Sai un compagno di squadra, dopo che questo grazie all'influenza di Naruto decide di aiutare Konoha, rivelando loro i piani di Danzou.
Inoltre è interessante notare il fatto che Sakura porti nella seconda serie un coprifronte rosso anziché blu come nella prima serie.

Nuove capacità
Dopo due anni e mezzo di allenamento con Tsunade, Sakura è diventata un abile ninja medico, anche grazie al suo preciso controllo del chakra. Tuttavia Tsunade non l'ha allenata soltanto nelle arti mediche: se infatti lei restasse ferita o uccisa, nessuno potrebbe più curare i compagni. Come difesa, quindi, ha sviluppato un'elevata forza fisica che le consente di sferrare potenti calci e pugni. La tecnica utilizzata per effettuare tali colpi consiste nel concentrare il chakra in un punto opportuno e rilasciarlo istantaneamente, con effetti devastanti.
Proprio come Naruto, ora Sakura conosce anche tecniche di livello A ed S. Durante la missione per salvare Gaara da Alba, con l'aiuto della vecchia Chiyo del Villaggio della Sabbia riesce a sconfiggere Sasori il marionettista. La tecnica utilizzata dalle due donne è di rendere Sakura una marionetta vivente, comandata da Chiyo, in modo da combinare l'enorme forza della ragazza con l'elevata esperienza della vecchia. Con tale espediente, ogni marionetta di Sasori viene neutralizzata; da Hiruko (la marionetta caratterizzata da una potenza difensiva elevatissima) al terzo Kazekage (marionetta creata dallo stesso Sasori utilizzando il corpo dello sconfitto Kazekage). Inoltre ora è molto più determinata nello svolgere le missioni e nel proteggere le persone care: per salvare Chiyo da un attacco di Sasori (diventato una marionetta lui stesso), ad esempio, arriva a farsi trapassare il ventre da una spada avvelenata. Le sue abilità mediche, comunque, le consentono di fermare l'emorragia e di rigenerare la ferita con la spada ancora conficcata nel corpo. Non è tuttora risaputo se, oltre alle arti mediche, la sua maestra le abbia insegnato anche la Tecnica del Richiamo. Per analogia è lecito supporre che, essendo lei stessa allieva di un ninja leggendario al pari di Naruto e Sasuke, abbia acquisito tale tecnica al pari dei suoi originari compagni di team. Durante l'attacco di Pain riesce con un solo pugno ad annientare un'evocazione di quest'ultimo.

 

Infanzia
Nei primi anni di Accademia, Sakura era una ragazza molto timida ed occasionalmente era presa in giro a causa della sua fronte ampia, fino a quando la più popolare Ino Yamanaka divenne sua amica. Per sancire la loro amicizia Ino le regalò un rosso nastro per i capelli. Da quel momento in avanti Sakura è solita raccogliere le sue morbide chiome in modo tale da lasciar scoperta la fronte. Un giorno, mentre studiavano l'ikebana, Ino dice a Sakura che lei è ancora un fiore in bocciolo, e che quando fiorirà potrà diventare anche il più bello tra i fiori. Sakura vedeva Ino come un punto di riferimento fino a quando questa non le rivelò di essere innamorata di Sasuke, lo stesso ragazzo che piaceva a lei, e ruppe l'amicizia con Ino. Diventata ninja, Sakura restituì il nastro ad Ino, e in più le disse che avrebbe portato il coprifronte sulla fronte solo quando sarebbe diventata più abile di lei. Il coprifronte andò così a sostituire il nastro di Ino, diventando un tratto caratteristico dell'aspetto di Sakura.

Team 7
A differenza di molti altri personaggi, Sakura non ha avuto un'infanzia tragica. Appena formato il Team 7, fissa la sua attenzione soltanto su Sasuke, per il quale ha una cotta, e non sopporta Naruto, trattandolo costantantemente da peso morto. Poco dopo la loro assegnazione, Sakura dice a Sasuke di credere che Naruto si comporti così solo perché non ha genitori che gli dicono cos'è giusto o sbagliato. Sasuke, vissuto in solitudine per anni dopo lo sterminio del suo clan, le risponde: "La solitudine è un dolore che non ha nulla a che vedere con l'essere sgridati dai genitori. Sei insopportabile!". Questo rimprovero da parte di Sasuke colpisce profondamente Sakura che inizia a trattare un po' meglio Naruto.
Durante le prime missioni, e soprattutto nel Paese delle Onde, Sakura si rivela abile nella conoscenza e nel controllo del chakra. Durante un allenamento, arrampicarsi sugli alberi senza mani, Sakura raggiunge la cima dell'albero al primo tentativo, dimostrando di essere superiore ad entrambi i suoi compagni di squadra. Inoltre, durante la missione, Sakura per la prima volta apprende la difficoltà della vita del ninja, quando Sasuke sembra essere stato ucciso da Haku. Recitando a Tazuna la regola n°25 del ninja (un ninja non deve mostrare le proprie emozioni in nessuna circostanza), tenta di trattenere i propri sentimenti, ma poco dopo inizia a piangere disperata.
Kakashi decide di candidarla assieme agli altri per gli esami di selezione dei chunin, e, dopo qualche esitazione, Sakura decide di partecipare. Durante l'esame Sakura diventa molto più matura, anche perché, nella Foresta della Morte, è costretta a proteggere i suoi compagni sconfitti da Orochimaru per una notte intera, e ad affrontare da sola il trio di Genin del Villaggio del Suono, inviato ad assassinare Sasuke. Sakura dimostra di essere cresciuta quando, per liberarsi dalla stretta di una ninja del suono, si taglia i capelli. Già prima di divenir genin, infatti, li aveva lasciati crescere poiché correva voce che Sasuke preferiva le ragazze con i capelli lunghi. Tagliandoseli, Sakura dimostra di preferire la salvezza dei suoi compagni ai suoi ben tenuti capelli. Da questo momento Sakura ha portato i capelli corti.
Fortunatamente, durante il suo scontro con i ninja del Suono, intervengono sia Rock Lee sia il gruppo di Ino, che tuttavia vengono sconfitti dai Genin di Orochimaru. Nel frattempo Sasuke finalmente si risveglia, ma il suo corpo è ricoperto dalle macchie del Segno Maledetto di Orochimaru. Appena vede Sakura ferita e capisce la situazione, Sasuke sconfigge da solo due dei tre nemici, spezzando le braccia ad uno di loro. Prima che possa ucciderli, però, viene fermato proprio da Sakura, che lo abbraccia pregandolo di fermarsi. Il Segno Maledetto così si ritira, lasciando Sasuke stremato.
Usciti dalla Foresta della Morte, Sakura si ritrova ad affrontare nei preliminari della Terza fase dell'esame la sua amica Ino. Dopo un lungo scontro, in cui Sakura si trova in difficoltà per via della Tecnica del Capovolgimento Spirituale di Ino e degli strategemmi attuati dalle rivale (con un inganno ben studiato la blocca con i suoi capelli impregnati di chakra), la sfida finisce in parità. Una volta risvegliatasi, Ino le dice che finalmente è sbocciata, diventando uno splendido fiore; le due quindi si riconciliano, ma restano comunque rivali.



Il tradimento di Sasuke
Dopo l'esame Chunin ed il ritorno di Itachi, Sasuke inizia a richiudersi in se stesso, fino a maturare la decisione di andarsene dal villaggio della foglia scortato da degli scagnozzi di Orochimaru, va da lui sperando di ottenere il potere e le conoscenze necessarie a sconfiggere il suo odiato fratello. Sakura, intuendo ciò che sta per fare, lo aspetta sulla strada che esce dal Villaggio. Durante la serie infatti il suo rapporto con Sasuke si era man mano approfondito e l'iniziale cotta da parte di lei sembra essersi evoluta in qualcosa di più. Sakura cerca di fermare Sasuke, cercando di farlo rimanere. Capendo che la decisione del ragazzo era definitiva, lo prega di portarla con sé, anche se questo vorrebbe dire tradire la sua famiglia e il villaggio. Sasuke si porta dietro di lei e dopo averle mormorato "Sakura...grazie." la colpisce dietro la nuca, facendola svenire.
Il giorno successivo, quando Naruto sta per partire alla ricerca di Sasuke, Sakura gli rivela il suo tentativo di fermarlo, e lo prega di riportarlo indietro.
Uscendo dalla stanza di ospedale in cui si trova Naruto, Sakura pensa che è stata la sola a non riuscire a fare niente così chiede chiede al Quinto Hokage, Tsunade, di prenderla come allieva, e questa accetta, intuendo la sua determinazione a proteggere le persone per lei care e di riportare indietro Sasuke. A questo punto, tutti i membri del Team 7 sono allievi di uno dei tre ninja leggendari: Sakura di Tsunade, Naruto di Jiraiya, e Sasuke di Orochimaru.

 

FONTE

http://inuyashamangaeanime.forumfree.it/?f=6684785

Statistiche della pagina
Pagina vista: 2240
Pagina creata da: FrancescoTosky , 4 maggio
Ultimo aggiornamento: 4 maggio

Caricamento commenti in corso...

Scrivi un Commento

Per scrivere un commento devi essere Registrato!

Se sei già registrato? Esegui il Login!
Non sei registrato? Registrati ora, è gratis!
Ultimi Quiz
di fpasasori8 - 12 gennaio alle 23:24
di Zeckold - 28 luglio
di Naruto Uchiha Delle Sei Vie - 23 maggio
Ultime dal forum
di Draco Bowen - venerdì alle 09:47
di Kazekage Gaara_yvi98 - lunedì alle 20:45
di Kazekage Gaara_yvi98 - lunedì alle 20:43
di itachi90 - lunedì alle 15:08
di itachi90 - lunedì alle 15:01
di Kazekage Gaara_yvi98 - 14 gennaio alle 14:53
Impostazioni